Imposta Portale come pagina iniziale Scrivi alla redazione Home 
 Visite 4 (1553469)  
Il Paese
1 foto, 1 storia
La storia
Cronaca
Appuntamenti
Attualit
Cultura
Riflessioni
Spettacolo
Sport
Tempo Libero
Manifestazioni
Botteghe in Festa
Ente Fiera
Spettacoli
Sport
Calcio
Libertas
Tennis
Webcam
Snapshot

Online
Cronaca - Cultura
gi un successo nuvole di sogni

Una nuova opportunità di divertimentoe di aggregazione culturaleper bambini, ragazzi e famiglie,la domenica pomeriggio (alleore 15) al Teatro Astra di San GiovanniLupatoto, è la proposta di “NUVOLEDI SOGNI”, la rassegna ideata e promossadal Comune di San Giovanni Lupatoto/Ass.to alle Politiche Scolastichee Culturali con il coinvolgimento delConsiglio Comunale dei Ragazzi e il coordinamentoorganizzativo di Viva OperaCIrcus, che si è aperta lo scorso 15gennaio con un largo consenso di pubblico.400, infatti, le persone accorse aquesto primo appuntamento della rassegnache ha visto in scena un’ironica edivertente rivisitazione del testo di PamelaTravers “Mary Poppins” propostodalla compagnia lombarda La Baraccadi Monza. Uno spettacolo che, attraversouna riuscita messa in scena con lasperimentazione di mezzi espressivi diversiquali la danza, l’uso di oggetti, ombree videoproiezioni, ci ha coinvolto inun affascinante viaggio ai confini trarealtà e fantasia.La rassegna, le cui proposte sono stateselezionate per soddisfaresia una richiestadi svago e di divertimento,sia una domandapiù strettamenteculturale e artisticadi un pubblicodi tutte le età,continuerà il 29gennaio con il concertodi musica comica“Guarda che Musica!”, propostodal Quartetto Euphoria per la regiadella Banda Osiris. Il 26 febbraio,sarà la volta dei burattini di MaurizioCorniani e la celeberrima fiaba de “I TrePorcellini” cui seguiranno, il 5marzo, la proposta cinematograficadiTerry Gilliam “I FratelliGrimm e l’incantevolestrega” e il 19 marzo(festa del papà) il pluripremiatomusical“Cats” nella versione delCMT Musical TheatreCompany. Infine, domenica2 aprile, uno spettacolo davvero magicocon grandi illusioni, magia perbambini e magia classica, lettura delpensiero, mentalismo e cabaret magico…il tutto realizzato da artisti e prestigiatoridi fama internazionale.Costo dei biglietti, per tutti gli appuntamenti:Euro 3 (ingresso unico) e Euro 1,50(possessori della Tessera Sesamo)Per info: Viva Opera CIrcus – tel. 0457134704, info@vivaoperacircus.it oppureComune di San Giovanni Lupatoto-Ufficioscuola – tel. 045 8290233,ufficio.scuola@comunelupatoto.it

 

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

?La giornata delle memorie?

 

 

 

 

 

L’Assessorato alle Politiche Scolastiche intende sensibilizzare e suscitare  l’attenzione degli studenti di San Giovanni Lupatoto attorno al problema della “memoria” storica. Di quel tipo particolare, cioè, di attività a ricordo di tutte le persecuzioni che nel corso del Novecento hanno funestato il cammino dell’umanità.

Ecco dunque “La giornate delle memorie: Oggi e sempre mi ricorderò di voi”, che si terrà presso il Teatro Astra di San Giovanni il giorno 10 febbraio. Protagonisti gli attori della compagnia LibeArt Andrea de Manincor e Sabrina Modenini e la cantautrice di origine americana Deborah Kooperman.

Sarà una mattinata nella quale si evocherà non solo la memoria della shoah ebraica, ma anche il ricordo delle vittime italiane delle foibe nell’Istria contesa tra Italia e Yugoslavia; e ancora il genocidio armeno operato in Turchia, la tragedia cambogiana, i massacri ruandesi del 1994.

Tutto nascerà dalla discussione iniziale, e simpatica, con gli studenti di quella mattina – venerdì 10 febbraio -  sul concetto di memoria; la memoria non è quella breve, distratta, degli eventi che ci capitano quotidianamente, memoria che pure ha la sua importanza;  qui si intende invece  quella memoria umana che fa condividere a tutti medesimi ideali di rispetto e solidarietà e che si indigna di fronte alle atrocità turpi commesse dagli aguzzini che sbucano come serpi dagli angoli della storia del Novecento … Secolo fantastico e terribile che ha scoperto la disumanità.

Pagine lette dagli attori e tratte da Primo Levi, Salvatore Quasimodo, da reportages storiografici e da diari civili, dalla letteratura yiddish, accompagnate da contributi videoproiettati e contrappuntate dagli interventi di Deborah Kooperman alla chitarra e voce.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

?Profumi di donna 2006?

 

Anche quest’anno l’Assessorato alla Cultura del Comune di San Giovanni intende inebriare il pubblico del Teatro Astra con i “Profumi di donna”. E’ questo il titolo della manifestazione che per il secondo anno consecutivo celebra la tradizionale giornata dell’8 marzo, dedicata alla donna. Al Teatro Astra i “profumi di donna” andranno in scena qualche giorno prima, il 2 marzo 2006 a partire dalle ore 21.

L’idea è dell’Assessore alla Cultura e Vicesindaco Ivo Bellamoli, che ne affida la cura e la presentazione ad Andrea de Manincor e Sabrina Modenini. Al centro di quest’idea anche quest’anno l’intenzione di promuovere in primo luogo artiste legate in modo originario o comunque particolare al territorio veronese. E infatti, incernierate dagli interventi dei due attori-presentatori, si susseguiranno sul palcoscenico esibizioni interpretate, dirette, coreografate, suonate e cantate da artiste femminili: da Barbara De Nucci al Coro a cappella Melosidè, dal Gruppo Syncronia diretto da Claudia Cosentino alle attrici dell’Estravagario Teatro fino a due scatenate danzatrici in una performance originale e infine alle Quartette, affermato complesso d’archi tutto femminile. La serata si presenta dunque ricca di gusti colori e … profumi per tutti i palati e tutti gli odorati.

La novità assoluta sarà rappresentata dalla prima elezione della “Donna dell’Anno”, scelta in base al particolare contributo che avrà saputo offrire all’arte o ai contenuti che hanno profondamente contraddistinto, in senso femminile, il suo lavoro.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Ca del Bue si ferma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ in perdita di qualcosa come un miliardo di vecchie lire al mese. Cà del Bue, quella che è stata definita a suo tempo la madre di tutte le tangenti, dopo vent’anni si ferma. Almeno per tre mesi. Ma è già significativo che il direttore dell’AGSM, Giulio Coggiola Pittoni, abbia annunciato ai sindacati che la situazione è più grave del previsto. Più grave, forse, di quanto avevano prevosto vent’anni fa sia l’Amministrazione comunale lupatotina sia il Comitato sorto a San Michele. L’inceneritore necessita di manutenzione straordinaria, in quanto la produzione di energia non arriva al 30% di quella preventivata, troppo poco per far quadrare i conti. Oltretutto sembra che delle 450/500 tonnellate  di rifiuti al giorni in entrata, ne escano il 40% da portare in discarica, vanificando così la filosofia che ha sempre giustificato la nascita di Cà del Bue, ovvero evitare di utilizzare le cave.

Sono i conti, come divedano, a non tornare. Se, infatti, conferire i rifiuti nell’impianti costa 113 euro a tonnellata, in discarica il costo si abbassa a 75. I guai, a quanto riferiscono gli stessi dirigenti dell’azienda di Lungadige Galtarossa, nascono dal cattivo funzionamento dei forni a letto fluido che in teoria avrebbero dovuto contribuire a bruciare i rifiuti senza però inquinare. Molti consulenti, presidenti, direttori ed esperti anche stranieri hanno cercare di farli funzionare al meglio, ma il solo risultato è che l’AGSM ha ottenuto da Finmeccanica, l’ex Ansaldo, 23 milioni di euro quale risarcimento per il cattivo funzionamento di questi forni. Ora si cercherà di correre ai ripari cercando un partner, pare sia già stata interpellata un’azienda di Bolzano ed una di La Spezia, in grado di non solo di far ripartire Cà del Bue ma anche di contribuire economicamente alla sua gestione. Un project financing, insomma, nella speranza appunto che qualche privato si faccia avanti. Le proposte saranno esaminate dalla Regione entro il 28 febbraio.

Ma la situazione potrebbe essere ancora più grave del previsto. Lo farebbe capire le dimissioni del direttore dell’impianto, Stefano Nicolò, e le stesse dichiarazione dell’assessore di Verona Giancarlo Montagnoli, il quale non esclude che si debba ricorrere ad una tecnologia diversa, abbandonando la scelta dei forni.

Inutile dire che a San Giovanni la notizia è stata accolta in parte con soddisfazione,  ma in parte anche con rabbia. Se avessero dato ascolto al nostro Comune, che fin da subito si era opposto ricorrendo sia al Tar sia al Consiglio di Stato. Ma tant’è. Adesso San Giovanni...respira, ma non stiamo parlando della rassegna culturale estiva.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Calendario Appuntamenti Febbraio

VENERDí 10Ore 20.30 – RusticoLezione preparatoria introduttiva alleopere che si andranno a visitare il 12 febbraioa Firenze presso Palazzo Vecchio ela Chiesa di Orsanmicheli; relatriceprof.ssa Nadia Melotti.La serata è aperta al pubblico

 

SABATO 11 e DOMENICA 12 Ore 9.30 – 20.00 Sala CivicaMercatino di San Valentino: bigiotteria diVenturini Liana, pupazzeria di PaganottoMaria Teresa, fiori all’uncinetto e di cartadi Monica Grezzo, formine di gesso earticoli in legno di Sergio Signorini, oggettisticavaria di Anna Carla Manara,miniature di Elisabetta Venturini, composizionicon perline di Monica Ferri e decoupagedi Catia Grollo. Tutti i lavori sonorealizzati a mano dagli hobbisti.

 

 LUNEDí 13Ore 17.30 –18.30 Sala CivicaPrimo incontro del breve corso di psicologiaa tema: “Le paure: il nemico nascostoin noi che limita la nostra vita”; a curadella dott.ssa Josetta Pinotti

 

DOMENICA 19Ore 7.30Partenza dal Centro Culturale per la visitaculturale a Firenze presso Palazzo Vecchioe la Chiesa di Orsanmicheli; con laguida della Prof.ssa Nadia Melotti.Organizzata a cura dell’Ufficio Cultura diSan Giovanni Lupatoto.

 

LUNEDí 20Ore 17.30 –18.30 Sala CivicaSecondo incontro del breve corso di psicologiaa tema: “Le fobie: imparare a comprenderneil significato per poterle superare”;a cura della dott.ssa Josetta Pinotti

 

LUNEDí 20Ore 20.30 – Sala CivicaConferenza di presentazione del Corso diCentri energetici o Chakra:“Realtà energetica del corpo fisico e funzionedei principali Centri energetici oChakra” a cura della Dott.ssa Maria GraziaLonardi

 

SABATO 25 Ore 14.30 Teatro AstraTradizionale Festa delle Mascherine inoccasione del Carnevale a cura del NuovoCarnevale Benefico Lupatotino.

 

SABATO 25 e DOMENICA 26 Ore10.00 – 12.30 e 15.30 – 19.00 Sala CivicaMostra di pittura figurativa ad olio a curadella pittrice Erina Signorini

 

LUNEDí 27Ore 17.30 –18.30 Sala CivicaTerzo incontro del breve corso di psicologiaa tema: “Gli attacchi di panico, che fare?”;a cura della dott.ssa Josetta Pinotti

 

LUNEDí 27Ore 20.30 – Sala CivicaInizia il Corso di Chakra, a cura dellaDott.ssa M. Grazia Lo nardi

 

MARTEDí 28 dalle 19,00 alle 22,00“BATER MARSO” appuntamento con ilper le vie del paese

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Febbraio apre con Le Falie in due repliche di ?Scudocrociati?

Dopo la rappresentazione di “ Romeoe Giulietta”, che ha recuperatola data il 3 febbraio, sul palcoscenicodell’Astra ecco sabato 11 febbraioalle 21, e domenica 12 alle 17,30, unfelice ritorno, ovvero quello de “ Le Falie”di Velo che propongono il loro ultimolavoro, “ Scudocrociati”, per la regia diAlessandro Anderloni.Il riferimento è alle elezioni amministrativedel 1975, allorché a Velo tre candidatisi contendono la poltrona di sindacoma, soprattutto, il simbolo della DemocraziaCristiana che significa vittoria sicura.Una vicenda attualissima visto econsiderata l’importanza, per le liste chescendono in campo alle elezioni, di averealle spalle il fatidico simbolo. Ma all’accanimentopolitico degli adulti si contrapponela spensierata fantasia di ungruppo di giovani che hanno ristrutturatoil vecchio rustico in paese per trasformarloin sede delle loro feste.Venerdì 17 febbraio tocca al Teatro Stabiledel Veneto che presenta “ Nina, nofar la stupida”, di Arturo Rossato e GianCapo. Una commedia legata alla tradizionegoldoniana che racconta di una cantante,Malibran, che si esibisce in unapaesino vicino a Venezia. Ma altro non èche una attricetta con un briciolo di talentoche si presta al divertente equivoconel quale cadono sia il Podestà che il vecchioBortolo.Venerdì 24 febbraio ecco un classico, “ Lavedova allegra”, la più nota opera diFranz Lehar proposta dalla CompagniaVeronese di operette. L’azione si svolgein una Parigi elegante e spensierata, neiprimi del 900. Un grazioso ventaglio bianco,sul quale qualcuno ha scritto ti amo,vuol essere uno dei protagonisti: vieneperduto, ritrovato, dimenticato, passa dimano in mano, da luogo a luogo.Marzo, infine, inizia con i botti col graditoritorno all’Astra di Natalino Salassoin “ Ercole in Polesine”. Il noto comicoha scelto ancora una volta un contenutoinconsueto, ovvero gli antichi greci.Non c’è parodia, ma una trattazionequasi ferrea del mito ricavata dai raccontidegli antichi.

 

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Global Service Network by D.G. Global Service

Oggi sempre più imprese hanno l’esigenzadi avere pochi partners affidabilisui quali contare per risolvere le problematichedi un’attività aziendale.Global Service Network nasce con questalogica, per essere il partner che inazienda aiuta, supporta, consiglia l’imprenditore.Per porsi in questa ottica, Global ServiceNetwork mette a disposizione dei suoiclienti una gamma di servizi in grado difare fronte alle diverse necessità imprenditorialicollaborando con aziende e professionistiche nel loro ambito hanno sviluppatouna notevole esperienza e sonoin grado di offrire un servizio competenteed affidabile singolarmente, ed integratoe completo come gruppo.Elenco di alcuni dei principali servizi offerti:Divisione Impresa- Servizio elaborazione dati contabili (anchein remoto)- Dichiarazioni fiscali e invio Telematico- Consulenza contabile e Fiscale, assistenzamanageriale presso l’azienda.- Consulenza del lavoro e servizio paghe.- Pratiche presso INPS INAIL ed altri EntiPrevidenziali, presso Uffici Finanziaried Enti Pubblici, presso C.C.I.A.A.- Pratiche per Finanziamenti agevolati eContributi Regionali e Statali affiancatoad attività di Project Financing.- Valutazioni d’azienda, Budget aziendali,Reporting direzionale e Business Plan- Consulenza assicurativa, su servizi finanziari, mutui e noleggio parco autoaziendale, pratiche legali e notarili- Privacy, consulenza e assistenza nellastesura del Dps (documento programmaticosulla sicurezza) e di tutta la documentazioneprevista dalla nuova normativa;e successivi aggiornamenti ed adeguamentiDivisione Informatica- Analisi, ricerca, comparazione e selezionedi strumenti Hardware in base alleesigenze specifiche dell’attività del cliente.- Analisi e proposte di soluzioni softwarepersonalizzate per l’ambiente informaticoaziendale (gestione magazzino con terminaliniWLAN RF802.11b).- Possibilità di operare sul software gestionaleda remoto via web (e-client)- Progettazione e ottimizzazione di sistemie reti informatiche (VPN ….Internet –Intranet – Extranet)- Progettazione e realizzazione di siti internete portali di settore (Consorzi Organizzazionie Associazioni), progetti dicommercio elettronico B2B, gestione ordinida agenti e filiali via internet su areeriservate e protette con possibilità di collegamentoal software gestionale.- Sistemi operativi : Windows 2003 Server,Windows XP Pro, Linux- Data Base : DB2, Oracle, Mysql ecc

Per informazionicontattaci senza impegnoVia IV Novembre, 18-37057 S. GiovanniLupatoto VrTel. +39 45 8753513 - Fax +39 45 8757780e-mail: info@dggs.it

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

I ricordi di Annalucia Meneghini a Porto San Pancrazio

Ha riscosso un grande successo di pubblico, ma anche di critica, la presentazione presso il Circolo di Porto San Pancrazio del libro “ In un infinito presente....i ricordi”, di Annalucia Meneghini, che ha visto la presenza anche di Giovanni Bussinello e Igino Maggiotto. Per l’occasione era presente anche Giulio Tamassia, presidente del Club di Giulietta, il quale spiega “ di aver apprezzato tele ispirate, di una pittura dolce e genuina, legata appunto al proprio paesaggio, quasi un canto ed un richiamo infinito, come dice la sua poesia. Sì, perché con vera sorpresa ho ascoltato anche la performance della Meneghini che sa comporre versi di autentico sentire e di notevole vocazione. Una mattinata piacevole, accompagnata dal suono di una fisarmonica che esprimeva dolcissime note, sottofondo ideale a colore e poesia, quasi un incanto” .

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Le finestre del vicolo

Che questa storia sia vera o inventata,è argomento di discussione.Meglio sarebbe che la discussioneavvenisse dopo un’approfondita ricerca,fatta possibilmente da tutti i protagonistidell’ipotetico dibattito, in modo da averetutti gli stessi elementi per esprimersi. Ma,come è noto, le discussioni nascono propriodal fatto che gli interlocutori partonoda diversi livelli di conoscenza, per cuil’argomentare di ciascuno è frutto soltantodi ciò che uno crede di sapere, senzarendersi conto che il livello di chi ascoltapotrebbe essere ben diverso. Non potendoovviare all’inconveniente, mi limitoa riportare la storia così come mi è stataraccontata da una delle protagoniste,una quindicina d’anni dopo il fatto.Il 25 aprile 1945 il paese pullulava di partigiani,o meglio, di individui che si spacciavanoper partigiani. Non soltanto il nostro.Tutti i paesierano pieni di partigianisiffatti e cosìanche la città,dove una marea digente marciavacantando inni cheprima di quel giornonon si eranomai sentiti. I ponti di Verona erano statifatti saltare dagli ultimi quattro tedeschirimasti in città mentre tutta quella genteche ora marciava era chissà dove.In quei giorni succedeva un po’ dappertuttoche venissero pubblicamente rapate ledonne accusate di aver collaborato con i fascistio i tedeschi. Nessuno si curava di verificarei fatti ed accertare se le accusatefossero veramente colpevoli di qualcosa.Bastava che uno facesse una qualsiasi insinuazione,magari nei confronti di qualcunache gli avevadetto di no, e perla disgraziata nonc’era scampo. Sentenzasubito emessae subito eseguita.Non occorrevagrande coraggiomettersi in cinqueseicontro una ragazzaindifesa.Ecco dunque alcunidi questi eroidel 25 aprile inseguireper i vicoliuna donna checorreva più chepoteva. Non ci miseromolto a raggiungerlae per lapoveretta cominciòl’incubo. Infatti,quelli non volevanosoltanto isuoi capelli.Era una bellagiornata di sole,ma le finestre delvicolo erano stranamentechiuse.Tutte, meno una.“Lassèla star, farabuti!”– La voceera quella di un vecchioche si era affacciatoagitando un bastone.“E cavève queifassoleti, che no sì degni”.I fazzoletti inquestione erano quellirossi, che i partigianisi mettevano al colloo al braccio.Passato il primo momento di stupore, ilbranco reagì aggredendo il vecchio e colpendolocon il suo stesso bastone. A quelpunto, come per miracolo, cominciaronoad aprirsi alcune finestre e poi molte altre.Il vicolo intero fu tutto un urlare didonne: “Vigliachi! Porchi! Delinquenti!”Le urla arrivarono lontano, tanto lontanoda allertare una pattuglia alleata che presea correre nel vicolo. Quelli del brancofurono subito raggiunti e circondati. Ledonne cercarono di spiegare quello chestava succedendo al capo pattuglia, unomone di colore alto due metri, che non cimise molto a capire.“Voi non partigiani, voi bandidos” – dissesputando in terra. Infatti i partigiani,quelli veri, arrivarono qualche ora dopo.Uno sparuto gruppo che veniva dallamontagna circondato da decine di curiosi.In altre località i partigiani erano statidavvero protagonisti nei giorni della liberazione,mentre qui da noi non si eranomai visti. Qualcuno disse che forse erastato meglio così.Il vecchio della finestra si ristabilì nel girodi un paio di giorni. Quando ricordavaquesta storia, diventava pallido dalla rabbiaed agitava il bastone come se avesseancora davanti agli occhi quei delinquenti,non dimenticando mai di precisareche quegli aggressori li aveva visti altrevolte in paese, alcuni mesi prima, maallora indossavano la camicia nera. Ledonne del vicolo parlarono dell’episodioper anni, raccontando che la ragazza aggredita,quello stesso giorno, lasciò il paesee non si rivide mai più. Non si era maiinteressata di politica. L’unica sua colpaera stata quella di innamorarsi di un giovaneal quale non aveva chiesto se avessetessere di partito in tasca, ma soltantose le voleva bene.Igino Maggiotto

 

 

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Uno spettacolo dei bambini per accogliere i Re Magi

Anche quest’anno i bambini della scuola primaria della Parrocchia di Pozzo , aiutatidalle loro catechiste, hanno festeggiato l’Epifania in modo diverso, proponendoun momento di riflessione sulla nascita di Gesù e ripercorrendo gli avvenimenti piùsignificativi: dall’annunciazione all’arrivo dei Re Magi. Tutto si è tradotto in un recitalcon letture, drammatizzazioni e canti che ha visto i cento protagonisti calcare la scena,con tempi e modalità diverse, a seconda della classe di appartenenza. I bambini,con la semplicità dei loro gesti, hanno raccontato i fatti che hanno cambiato la storiadell’uomo in modo profondo, e ne sono diventati testimoni offrendo un’occasione perunirsi maggiormente a Gesù in un momento di preghiera. Da segnalare che il coro divoci bianche è stato diretto da Alessandra Arcese con l’accompagnamento al pianofortedi Diego Baito.Il momento clou è coinciso con l’arrivo dei tre Re Magi, Gasparre. Melchiorre e Baldassarre,che hanno risposto alle domande dei ragazzi, in particolare riguardo i donied il loro significato ed il Paese di origineApplausi per tutti, al termine della rappresentazione, da parte di un folto pubblico cheha concluso la giornata dell’Epifania festeggiando in cortile davanti ad un falò e la tradizionalecioccolata calda offerta dal Circolo Noi.

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2006/2

Borse di studio anno scolastico 2004/2005

Dal 2 al 30 novembre 2005 è possibile presentare la domanda per l’assegnazione di borse di studio per studenti iscritti alla scuola superiore e al primo anno di università. I requisiti richiesti sono: a) votazione dell’anno scolastico 2004 – 2005: “ottimo” per la 3^ media, votazione media del 7,5 dalla 1^ alla 4^ Superiore, 75/100 per la Maturità; b) I.S.E.E. (redditi 2004) non superiore a Euro 17.721,56. - I moduli per la  presentazione delle domande sono disponibili, a partire dal 2 novembre 2005, presso l’Ufficio Servizi Scolastici. - Le domande compilate vanno consegnate entro il 30 novembre 2005 all’Ufficio Protocollo.- L’Ufficio Servizi Scolastici provvederà ad avvisare le famiglie, a mezzo lettera, circa l’esito dell’assegnazione.

Per informazioni rivolgersi all’Ufficio Servizi Scolastici del Comune di San Giovanni Lupatoto –

Tel. 045 – 8290233.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/11

XX?9?12 Gallery Studio e Tryp Verona Hotel & Convention Center

Costituiscono un connubio perfetto per chi sa apprezzare l’Arte nella sua interezza del termine, al contempo scegliendo di essere ospite di un Hotel di qualità e prestigio garantito dalla catena Sol Melià. La sopraccitata GALLERIA D’ARTE  riveste un ruolo d’avanguardia nel contesto delle varie manifestazioni artistiche e culturali presenti nell’ambito della città di Verona e non solo. Decisivo è, senza dubbio, il ruolo della direttrice Alessandra Passerini che con grande intraprendenza conduce in modo eclettico il percorso artistico deputato allo spazio Gallery come tale riuscendo poi a realizzare interessanti collaborazioni con sedi alternative a quella ben nota sita in Via XX Settembre n° 12 a Verona. Meritevole quindi l’allestimento presso la sede del Tryp Verona - Hotel & Convention Center in Via Monte Pastello 28 a San Giovanni Lupatoto, dove artisti di indiscussa capacità artistica, come la stessa Passerini, ci consentono di soggiornare, condurre trattative, beneficiati e contornati dalla presenza delle opere d’arte di singolare originalità di  Aurelio Gaiga – Lidia Resi – Emanuela Asquer. L’internazionalità è validamente rappresentata da Betina Levin (Argentina) – Katia Buteau Zucker (Svizzera) – Carol Schultheiss (U.S.A.) - Meg Glouber (Argentina) e Papa Faye Aimeroy (Senegal). Quindi una prestigiosa “ Gallery “ di artisti collocati in uno spazio alternativo come quello di Tryp Hotel a simboleggiare che tutto ciò che riguarda l’Arte trova sempre felici consensi, ed in questo caso auspichiamo possa costituire un eccellente veicolo di sinergie fra business e arte.  

 

Info:

www.trypverona.solmelia.com      www.xx912.it  

 

Eugenia Visconti 

 

 

 

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/10

Corso per volontari croce verde

Inizierà il 26 alle ore 21.00 presso la Sala Parrocchiale di San Giovanni Battista, in Via Roma, il corso di reclutamento per aspiranti soccorritori volontari di Croce Verde. Il soccorso extraospedaliero prevede un’accurata formazione dell’operatore nel campo internistico e traumatologico onde poter far fronte alle innumerevoli situazioni di richiesta di soccorso e trasporto sanitario. Il corso è sviluppato sulla frequentazione di due moduli didattici (14 lezioni il primo, 12 il secondo 2 volte alla settimana:il lunedì e il mercoledì). Il modulo base è finalizzato alla preparazione di un soccorritore in grado di assistere qualsiasi paziente interessato da patologia internistica, mobilizzarlo e trasportarlo correttamente. Il superamento della valutazione del primo modulo da accesso al percorso di tirocinio operativo della durata di circa 150 ore e alla contemporanea partecipazione al modulo professionalizzante. Durante tale periodo l’allievo sarà affiancato da personale esperto e si attiverà solamente nei servizi di trasporto e taxi sanitario. Il modulo professionalizzante si prefigge di formare il soccorritore nella complessa ed articolata assistenza al paziente traumatizzato e all’assistenza alle equipe medica. La frequentazione dello stesso durante il tirocinio ed il superamento della valutazione finale darà all’allievo la qualifica di soccorritore e l’autorizzazione ad effettuare missioni sui mezzi di soccorso avanzato dell’Ente (se non sono presenti pareri discordanti da parte di tutors). L’autorizzazione al servizio è legata alla partecipazione di entrambi i moduli che si intende obbligatoria come il superamento della verifica finale. Il non superamento della verifica finale comporta l’immediata esclusione al servizio attivo. Durante lo svolgimento del corso verranno adottati diversi metodi didattici orientati all’apprendimento: Lezioni magistrali e relazioni su tema preordinato ed esercitazioni pratiche a piccoli gruppi ed individuali Informazioni e iscrizioni la prima sera del corso.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/9

Compagni di viaggio

In questo ultimo periodo, con la vendita del mio libro ? Compagni di viaggio?, ho mandato 100 euro a don Luca in Africa, 100 euro a don Giuseppe in Thailandia e 250 euro al centro di recupero per i bambini di S. Pietroburgo. Ricordo che per informazioni sempre possibile rivolgersi a Cartolibreria Avogaro- Mercanti, Bray collection camicie, Parrucchiere Zuanazzi Elisabetta e Susanna, Profumeria Francesca e I libri di Gianna.Teresa Coffele

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/6

Festa grande alla ferramenta Fanini

Il 14 maggio scorso, da Fanini in via Madonnina, stato un gran giorno di festa. Si infatti celebrato il cinquantesimo anniversario di attivit del noto negozio, fondato nel 1955 da Teresa Scardoni e Anacleto Fanini, genitori dell?attuale titolare. In presenza del Sindaco, dell?Assessore al Commercio, del Comandante della locale stazione dei Carabinieri e di molti amici, Don Leone ha impartito una speciale benedizione di ringraziamento.Festeggiare 50 anni di attivit vuol dire tuffarsi nei ricordi di tutto un paese, soprattutto se si pensa che gli anni dal 1955 in poi sono stati colmi di novit e trasformazioni. Nel 1956 i carri armati russi entravano a Budapest mettendo fine alla prima insurrezione nei territori controllati dall?impero sovietico, ma anche dando inizio ad un ripensamento politico nei partiti di sinistra dell?Europa Occidentale che port la gente a riflettere in modo diverso, pi indipendente da indottrinamenti di vario tipo. Dall?America arrivava il Rock and Roll che determin una vera e propria rivoluzione dei costumi. Il partito cattolico cominciava a pensare di aprirsi alla sinistra e Fellini metteva in cantiere ?La dolce vita?.E a Lupatoto? A Lupatoto, con la scusa che da Fanini si vendevano anche abbigliamenti ed attrezzature sportive, il negozio cominci ad essere frequentato da gruppi di giovani che ben presto pensarono di organizzare gite sulla neve. Da cosa nasce cosa ed i gruppi piano piano diventarono vere e proprie associazioni. Fernando Guerra, uno dei pi attivi animatori di compagnie, invent ?El Cadensso?, primo gruppo a darsi un nome. Il popolarissimo vocabolo onomatopeico, ma ha anche una valenza ironica e beffarda quando viene accompagnato a maliziose allusioni. Il successo fu clamoroso e ben presto ?El Cadensso? divent la bandiera di molti giovani lupatotini. Naturalmente questa non fu l?unica compagnia a darsi un nome. Pi o meno nello stesso periodo nasceva anche ?La Griffa? del gruppo di Ermes Bonafini, specializzato nell?organizzare serate alla ?Lucerna?, la storica balera lupatotina che nel primissimo dopoguerra aveva spesso ospitato il complesso di fisarmoniche del Maestro Sprea, formato da ragazzini dai nove ai quattordici anni.Nei primissimi anni Sessanta, si esibivano alla Lucerna gli allora quasi sconosciuti ?Nomadi? insieme ai ?Cinque Samurai?, primo complesso rock lupatotino. Pi tardi arrivarono i ?Tornados? e gli altri gruppi della Verona Beat. Dalle parti della chiesa nacque ?La Branca? che si riuniva nel mitico bar-latteria di Canteri, unico locale frequentato anche da ragazze.Naturalmente di tutto questo non rimasto che il ricordo nelle menti degli ormai anziani protagonisti di quel periodo i quali, comunque, non disdegnano ogni tanto di ritrovarsi e di organizzare sia gite in montagna che serate all?insegna dell?amicizia e del buon umore.Ai ragazzi di oggi, che eventualmente avessero avuto la pazienza di leggere queste righe interessanti per loro come il classico fico secco, auguro di provare le stesse sensazioni che provarono a loro tempo i personaggi qui ricordati. Nei prossimi numeri parleremo comunque delle realt di oggi e di quello che stanno combinando i giovani lupatotini. Promesso. Igino Maggiotto

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/6

Gruppo hobbisti e collezionisti noi Ponte-Pozzo

Anche quest?anno il Gruppo Hobbisti e Collezionisti, in occasione della Sagra di Primavera, e riuscito a riscuotere interesse grazie alla mostra ?San Giovanni e dintorni ? Immagini di ieri e di oggi? . Il gruppo non nuovo a questo tipo di mostre, soprattutto con l?esposizione delle cartoline del territorio lupatotino del secolo scorso, ma le raccolte che pi hanno colpito erano le tematiche fotografiche inedite sul periodo dell?austerity e sulla nuova chiesa di Pozzo. Le prime ritraevano i tornei sportivi del tamburello e degli altri sport che in occasione della crisi petrolifera, che blocc i mezzi a motore nelle giornate di domenica negli anni 1973/74, furono organizzati dai cittadini nella frazione di Camacici, mentre la seconda riguardava le foto che immortalavano con dovizia di particolari i momenti principali, dalla costruzione alla consacrazione, della nuova chiesa parrocchiale di Pozzo. Oltre a queste due copiose raccolte sono state messe in mostra altri gruppi di foto che riguardavano, tra gli altri: il Giro d?Italia che nel 1984 pass da San Giovanni Lupatoto e che vide vincitore Francesco MOSER, il signor Bellini (Rato) nel 1938 quando vendeva i primi gelati per il paese, il cortile del vecchio asilo della parrocchia di Pozzo poco prima della demolizione ed altre ancora. Quest?anno la mostra stata visitata anche da due scolaresche, esattamente le classi II A e B della scuola elementare ?G. Marconi? di Pozzo. Il Gruppo, ringraziando le insegnati per la sensibilit dimostrata per l?evento espositivo, con piacere ha ospitato i ragazzi alla mostra con la speranza di aver contribuito, anche in minima parte, alla loro conoscenza del territorio e auspicando che queste visite si possano ripetere anche per altre mostre culturali future. Un ringraziamento particolare va a quanti hanno contribuito alla buona riuscita della mostra mettendo a disposizione il materiale esposto e in particolare ai Sig.i: Pasini G., Lodola P., Zangrandi R., Mantovani A., Chiavegato R., Maistrello R..Il Gruppo si riunisce il 1 e 3 mercoled di ogni mese (esclusi Luglio/Agosto) alle ore 21.00 presso i locali del nuovo centro parrocchiale di Pozzo. Per informazioni telefonare al n 045549437.Perotto Nicola

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/6

Myriam: per non dimenticare

Myriam Stefani, scrittrice e giornalista lupatotina stata ricordata domenica 08 maggio presso il ristorante pizzeria ?Il Giardino? (per tutti il giardinetto) che insieme a ?I Libri di Gianna? ha promosso la mattinata di testimonianze, letture, musica e poesia. Myriam stata ricordata non attraverso le innumerevoli pagine scritte da lei e su di lei, ma con i ricordi di chi l?ha incontrata e conosciuta: amici, concittadini, nipoti e i suoi figli. Un tuffo nella parte pi intima e personale di questa donna nata in un paese, San Giovanni Lupatoto, troppo piccolo per lei e da cui fugg giovanissima in cerca di quel cielo che aveva nella mente. Un paese da cui per non si mai separata e a cui tornava spesso in cerca dei ricordi pi belli. Davanti alle sorelle e al fratello di Myriam, ai nipoti, a innumerevoli amici ed artisti che in varie occasioni l?hanno avvicinata, Federico Fuggini,Dario Ferronato, Sandro Avesani, e Maddalena Gabaldo hanno dato voce e corpo all?evento. A conclusione della mattinata, caratterizzata da un clima intenso e commosso, il fratello Oscar ha regalato ai presenti alcuni stralci dell?ampio carteggio con la sorella Myriam interrotto solo dalla morte della scrittrice. Le poesie lette domenica sono tutte tratte dal volume ?Nel cespuglio del rosmarino affogano rose rosse? curato da Dino Coltro e pubblicato postumo nel 1997 grazie al figlio di Myriam Franz, all?allora Assessore alla cultura Igino Magiotto e al contributo del Comune di San Giovanni Lupatoto. Per Myriam il prossimo ? un campo di grano? davanti alla sua fame, fame mai saziata. Anche noi dovremmo fare dei nostri artisti lupatotini e veronesi pane di cui cibarci perch la loro voce non si spenga nella nebbia dell?oblio.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/6

Quelle epiche battaglie tra Borgo Rosso e Pozzo

La mostra fotografica del gruppo Hobbysti ha avuto il grande merito, quest?anno, di riportarci indietro di oltre trent?anni grazie alle splendide fotografie realizzate dall?appassionato Pasini che ha avuto l?ottima idea di conservare i negativi. Erano i tempi della cosiddetta austerity, ricordate ?, con le domeniche a piedi imposte dalla carenza di benzina. Niente male, poich la fantasia, agli abitanti del quartiere di Camacici, non mai mancata. E cos la strada antistante all?osteria, un tempo sede del Vicariato, s? trasformata all?improvviso in un campo di tamburello. Da qui l?idea di dar vita, sul terreno della Chiesa per anni adibito a campo di calcio, alle prime gare tra amici, per poi arrivare al salto di qualit con la partecipazione( sponsor Gozzi legnami) ai campionati ufficiali in categorie di livello.Ma saranno soprattutto le gare tra amici, che vedevano spesso coinvolte intere famiglie( dai Zanotti ai Carli), a rimanere nella memoria collettiva, cos come gli indimenticati tornei di calcio che vedevano contrapposte le squadre di Pozzo e Camacici ( anche in questo caso, come dimenticare i derby tra i Malizia e i Carli ?) , con sedi rispettivamente presso il bar Scala e presso l?omonima osteria. Sfide che coinvolgevano, volenti o nolenti, tutta la popolazione. Impossibile, infatti, non farsi contagiare dal clima di gioia e di festa, ma anche di grande passione ed emotivit, con tutte quelle bandiere al vento a far da contorno, e poi gli striscioni, i canti, gli sfott, le bevute all?osteria, le presenze dei compianti Carlo Facchinetti e Vittorino Giarola. Una grande festa dove semplicit e genuinit erano gli ingredienti principali di domeniche di autentica passione che si concludevano, sia in caso di vittoria sia in caso di sconfitta, davanti ad un bicchiere. Recitando a memoria, magari, la storica ? poesia? coniata dai tifosi del Borgo Rosso, nome preso a prestito dal mitico film di Alberto Sordi, per festeggiare la vittoria della compagine di Camacici sui ? nemici ? del Pozzo( per la cronaca al terzo posto si classific il bar Acli, al quarto Barca).Ve la riproponiamo poich, davanti a certe scene cui assistiamo oggi giorno nei nostro stadi, c? molto da imparare: ? Pozzo, vedi che male fa il rosso ! Con noi c? la forza e il morale, e a voi queste cose fan male. Nel Borgo c? gente che lotta, nel Borgo c? gente che crede, nel Pozzo c? gente che ha rabbia e le cose giuste non vede. Se per voi questo rospo grosso, se il gozzo non ce la fa, venite a Camacici che da bere ci sar ! In questo Borgo rosso, con gente molto allegra, sarete sempre in balla da mattino fino a sera. E quando avrete visto che gente siamo noi, direte tutti insieme I MIGLIORI SIETE VOI !!!Marco Ballini

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/6

Il paradosso di Caravaggio

Dal 12 al 17 Maggio, proprio durante la Sagra di Primavera, si potr ammirare, presso la Parrocchia di Pozzo, una grande mostra curata dal?Meeting per l`amicizia fra i popoli? di Rimini e proposta nel nostro paese dall`Associazione Rivela. L?Associazione ha come scopo quello di valorizzare le feste di paese offrendo delle proposte di carattere culturale.?Ex Umbris in Veritatem: Il paradosso di Caravaggio? ci presenta alcuni dei pi significativi dipinti dell?artista. La mostra si sofferma principalmente sul periodo romano e napoletano del pittore, per un arco di tempo che spazia da circa il 1592 al 1610. Caravaggio, in queste opere, totalmente proteso ad una ricerca quasi scientifica della realt, quasi la interrogasse in una strenua e drammatica ricerca della verit; in effetti l`artista invent un vero e proprio metodo di pittura ?reale?, in cui luci e ombre giocano un ruolo primario. Il visitatore ne rimane affascinato come davanti a una fotografia che avesse colto un particolarissimo gesto.Il far pittura per lui era porsi davanti alla realt, affrontarla e reagire scoprendo il senso del proprio essere. Insieme ai vari dipinti si accompagnati, in parallelo,anche a incontrare la sua vita e la sua personalit, indivisibili rispetto a tutta la sua grande opera. L`iniziativa patrocinata dell`Assessorato alla Cultura del Comune di San Giovanni Lupatoto. L`anno scorso, la mostra su San Benedetto e le radici cristiane dell`Europa, ha fatto registrare un numero complessivo di 1000 presenze, tra cui 400 studenti delle scuole presenti nel nostro territorio.Tale successo ha convinto gli organizzatori a predisporre anche quest`anno la possibilit di visite guidate proprio per le scuole medie.Per maggiori informazioni rispetto alla mostra ma pi precisamente sull`artista stesso, Gioved 12 maggio alle ore 21.00 , presso il salone del circolo ?Noi di Pozzo?, si terr la presentazione ufficiale a cura della Professoressa Renata Semizzi, docente di Storia dell`Arte.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/5

Salta ancora il parco di Pozzo

Purtroppo ci risiamo. Pur di accontentare qualche strana e losca trama politica, si preferisce fare un danno (o un mancato bene che la stessa cosa), a tutta la comunit, impedendo, di fatto, la realizzazione di un?opera importante per il quartiere di Pozzo ? Camacici e non solo. Ci riferiamo alla mancata approvazione del piruea relativo alla sistemazione della zona limitrofa alla palestra delle scuole di Pozzo. Da anni come Comitato chiediamo, anche attraverso azioni concrete come la raccolta di firme, la stesura di un progetto e la presentazione di una mozione popolare, che tale area (da decenni bloccata come zona servizi), diventi un polmone verde per il nostro quartiere. Dopo una prima bocciatura fatta dalla precedente amministrazione (non era di primaria importanza questa la motivazione espressa in consiglio), qualche settimana fa sembrava che la cosa potesse andare in porto. Ma incredibile a dirsi, due assessori pur dichiarandosi favorevoli sulla destinazione dell?area e tutto sommato anche sulle modalit d?accordo con il proprietario, si sono rifiutati di appoggiare il relativo piruea, con la motivazione che se non si sistemavano anche le altre aree, non si sistemava neanche questa e quella relativa alla zona sportiva. Tale motivazione (sembra pi un capriccio o una ripicca), l?abbiamo appresa dai giornali, perch, di fatto, non abbiamo ricevuto nessuna risposta alla nostra richiesta di chiarimento, (fatta protocollare il 14 marzo). In ogni caso come Comitato non intendiamo mollare e con pi viva forza chiederemo che il progetto per un Polmone verde per il Pozzo e Camacici sia fatto il pi presto possibile, indipendentemente dai costi, in quanto lo riteniamo un?opera essenziale per il benessere della nostra comunit.A tale proposito proporremo tramite un consigliere comunale, un?interpellanza su tale argomento, con lo scopo di costringere l?amministrazione a prendere posizioni chiare e definitive. Altre iniziative seguiranno se necessarie. Il Comitato Civico Pozzo-Camacici

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/5

107 Cent Sept Arte & Territorio

Domenica 23 gennaio 2005,alle ore 17.30, presso gli spazi espositivi Ex-Macello di Verona via Macello 5, col patrocinio del Comune di Verona, Assessorato alla Cultura, Circoscrizione 1 Centro Storico stata presentata, dal presidente Arch. Gabriello Anselmi l?Associazione Culturale 107 Cent Sept Arte & Territorio. Associazione senza scopo di lucro, si occupa d?attivit culturali con particolare attenzione alle arti visive contemporanee, l?architettura, in una visione allargata e aperta a tutte le forme espressive. Organizza mostre, convegni, conferenze nell?intento di diventare un vero laboratorio che valorizzi il territorio come grande risorsa culturale. Collabora con musei, universit, gallerie e associazioni in Italia ed all?estero. E? attivamente impegnata con un piano editoriale con la casa editrice Della Vita Nova con produzione di libri d?architettura, cataloghi di mostre ed una collana sul futurismo veronese. Fondata nella primavera del 2004, vanta, nel suo breve iter, un?importante mostra organizzata presso il Design Excenge Museum di Toronto in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana di Toronto dal titolo Verona Waterfront project. Il suo direttivo composto da: Gabriello Anselmi, Architetto e scultore Presidente; Bonaventura Romano Architetto Vicepresidente; Lorella Polo Architetto- urbanista Consigliere; Michele Manzini Saggista Consigliere; Giovanni Perez Storico dell?arte ed Editore Consigliere; Cristine Henras Organizzatrice d?eventi Consigliere; Valentina Ferrazzi Storica dell?arte specializzata in didattica museale Consigliere. In occasione della serata di presentazione 107 Arte & Territorio organizzer un intrattenimento, consistente in lettura e commento di brani sul tema della citt da parte di Agostino Cont, Daria Anfelli, Giorgio Anselmi, Eugenio Turri, Giorgio Franck, seguir una proiezione art-video di di Nenad Boharevic e Cristiana Gaspari dal titolo I am at home e una mostra espositiva con opere di: Jonatthan Guaitamacchi, Enrico T. De Paris - King Kong Hong Kong Skyscreper di Marianno Beliamoli + Gans Opere pittoriche di Valerio Marchiotti, Gianfranco Gentile, Peter Kastner & Paolo Moretto progetti architettonici di Renato Bocceda Fotografie di Alessandro Corona Piu e Carlo Poli Opere grafiche di Michel CogoVestiti Urbani di Simone Rizzi e Alice Anselmi Musiche di Filippo Romano.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

1945 ? 2005 60 anni di felicit

Il comitato che da 25 anni promuove le attivit della Classe 1945, quest?anno inoccasione del 60, organizza perSABATO 16 APRILE 2005una gita a FIRENZE con visita guidataalla Citt, pranzo e tanta allegria.Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi a:Ferramenta FANINI Tel. 045-545112Cartolibreria MERCANTI Tel. 045-545748

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

Fine inverno

La neve lentaSi scioglieE, pian piano, riaffioranoLe tristi cose del mondo:un prato colmo di stoppie,un tetto in rovina,la strada sconnessa.E una carezzaNegata al tuo volto,questa mattina,Che prima Sapeva di brina.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

GALAN CAMBIA MUSICA

In occasione del 30 anniversario della manifestazione cultural-enogastronomica "SCELTA DEL CARTIZZE" tenutasi a Valdobbiadene il 19 marzo 2005, il nostro Igino Maggiotto, ormai notissimo anche oltre i confini provinciali, stato invitato con la sua fisarmonica tra le colline trevigiane, allietando una giornata colma di interessanti avvenimenti. Tra gli ospiti, il Presidente della Regione, il Sindaco di Venezia e molte personalit del mondo della musica e del cinema.Per una giornata, il presidente Galan ha cambiato musica, preferendo la fisarmonica di Igino ai comizi elettorali.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

Mostra di Soave ad Innsbruck

Artisti si nasce o si diventa? Nessuno riuscito finora a dare una risposta definitiva al quesito. Nel caso di Giorgio Soave si tratta piuttosto di una riscoperta, una passione radicata che si trasformata nel tempo passando dal ?guardare? al ?fare?.E? un?urgenza creativa che talvolta nel mestiere dell?architetto non trova libero sfogo e che faticosamente si deve fare spazio tra vincoli normativi ed economici. La tela diventa uno spazio infinito, ben aldil del formato fisico del supporto, la natura e lo spazio costruito dagli uomini divengono campiture sature di colore piatto e denso, geometrie evolutive e test per l?immaginario di chi guarda. E in molti ormai guardano le opere di Giorgio Soave, coinvolti dalla felicit cromatica di pure forme bidimensionali, lo scorso ottobre alla Fiera dell?Arte di Salisburgo e dal 25 al 28 febbraio scorso alla Fiera dell?Arte di Innsbruck, dove le tele di Soave sono state particolarmente apprezzate. Alcune sue significative opere saranno esposte alla Galleria Bertrand Kass di Innsbruk dal 25 Marzo al 7 Aprile prossimi. Si potranno ammirare alcune tele del ciclo ?IL CIRCOLO ROSSO?, punto d?energia da cui si sviluppano forme e colori, tema pi volte visitato dall?artista e opere pittoriche sviluppate da appunti di viaggio ?IMPRESSIONI DA ISTANBUL?, il tradizionale tema della scoperta dell?altro da s, in questo caso pretesto per l?inesaurita introspezione da cui sgorgano nuove ispirazioni coloristiche

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

Silvano Ferronato

Onore al nostro amico Silvano Ferronato, insignito del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica per le oltre 125 donazioni di sangue per il gruppo Avis. Lo vediamo nella foto con la moglie Graziella, il sindaco di Verona Paolo Zanotto ed il Prefetto Francesco Giovannucci

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/4

A Sinigaglia il Premio arte e cultura di Olbia

E? in continua ascesa la fama del pittore Lucio Sinigaglia. Alla serie di consensi collezionati in personali in tutta Italia ed all?estero si aggiunto di recente il premio internazionale ?Arte e cultura?- Citt di Olbia? con il patrocinio del prof. Giancarlo Al. Per l?importante risultato Sinigaglia stato premiato a Reggio Emilia, al Classic Hotel, nel corso della chiusura della selezione della Biennale ? Leonardo da Vinci? che ha visto partecipare 450 artisti selezionati a livello internazionale. La commissione artistica era presieduta dal prof. Al componente la sezione italiana dell? Unione europea esperti d?arte che ha assegnato i riconoscimenti internazionali. Del pittore lupatotino colpisce il modo diesprimersi su tela, per raccontare a 360 gradi le emozioni, le passioni, la meditazione e la riflessione di un passato ormai cos lontano dalla sua infanzia ma sempre vivo denrto la sua anima, un naif filosofico, come stato scritto nella motivazione del premio. Alla cerimonia era presente anche il maestro Jos Van Roy Dal, figlio del celeberrimo Salvador, che ha cos testimoniato la validit delle opere premiate. Col mese di aprile Sinigaglia torna ad esporre al Centro culturale dove per l?occasione presenter una gradita sorpresa.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/3

Carnevale Asalup e Quadrifoglio

Proseguono con sempre maggiore entusiasmo le attivit delle due associazioni Lupatotine AS.A.LUP. e QUADRIFOGLIO. Il Carnevale del 2005 ha dato inizio alle grandi serate in Casa Albergo. La prima Festa stata quella dei Pensionati il Quadrifoglio che hanno organizzato una allegra e stupenda serata in maschera Sabato 5 Febbraio. E? stata una manifestazione nata in sordina ma che ha trovato,invece, grande riscontro nella terza et che ha dimostrato di aver ancora voglia di divertirsi. Erano,infatti, oltre una cinquantina le maschere che si sono esibite in passerella per ricevere l?applauso del numeroso pubblico presente. Sono state cinque le maschere premiate per la loro simpatia e originalit. Dato il grande successo della manifestazione il Quadrifoglio sta pensando di riproporla in modo pi impegnativo anche per il prossimo anno.Grande ballo in maschera anche per l?Associazione Anziani Lupatotini che Marted 8 Febbraio ha voluto, come ogni anno, festeggiare l?ultimo giorno di carnevale assieme a tutti i soci. L?ASALUP non poteva, inoltre, mancare all?appuntamento con la festa di San Valentino con grande partecipazione di soci, con una gustosissima cena, una grandissima torta a forma di cuore e cioccolatini e fiori per tutti quelli che sanno ancora amare. Ancora due prossimi appuntamenti importanti da non perdere. Sabato 5 Marzo, sempre in Casa Albergo, il Quadrifoglio festegger la Festa de ?Le Boche? mentre l?AS.A.LUP. Marted 8 Marzo organizzer la ?Festa della Donna? come al solito con cena, ballo e divertimento per tutti.

Versione Stampa

Rivista Il Nuovo Lupo : 2005/3

Motori
Auto
eventi
Cronaca
Cultura
Spettacoli

annunci
Tutti

Almanacco
Oroscopo

Google
D.G. - Global Service S.r.l. - P.I. 03256860234 Copyright © 2003-2008  Credits